Cosa è lo storytelling e come utilizzarlo per la tua azienda

Tag:


“La gente dimenticherà quello che hai detto, dimenticherà quello che hai fatto, però la gente non dimenticherà mai come li hai fatti sentire”.

Maya Angelou


Ascoltare una storia, magari anche chiudendo gli occhi, lasciandosi trascinare dagli altri sensi. In un mondo digitalizzato, frenetico, che corre veloce, che forse non lascia più tempo alle emozioni, bisogna trovare un modo per farsi ascoltare, vedere, conoscere.

In ambito aziendale, oggi, questo compito è affidato allo storytelling, si tratta di una semplice narrazione e, si sa, il modo migliore per rimanere nella mente di una persona è proprio quello di raccontare una storia, anche la propria.

Letteralmente il termine può tradursi con: narrare una storia, raccontarla, attraverso la comunicazione, anche creativa. Praticamente si tratta di una tecnica di comunicazione che consiste nel raccontare una storia per attirare l’attenzione di un pubblico e fargli arrivare, così, il messaggio che si vuole comunicare, stimolando l’interesse dell’interlocutore o lettore che sia.

Lo Storytelling è uno strumento di marketing molto potente per le aziende perché riesce a trasferire idee e punti di vista in maniera convincente. Non a caso oggi non c’è brand o colosso internazionale che non si sia affidato a questa tecnica, sfruttandone l’enorme potenziale per comunicare con la clientela, la quale in questo modo si sente più vicina, quasi parte di quell’azienda della quale conosce la storia … ed ecco, il cliente, diventa fidato, fedele, ha fiducia del brand, del marchio, del prodotto di quell’azienda che gli ha raccontato, narrato una storia, la sua.

Oggi la pubblicità passa inosservata, è meccanica, la conosciamo, ne conosciamo le parole, ogni musica, ma nonostante questo spesso è arida, non ci trasmette molto, non basta più, da sola, a far conoscere un prodotto, c’è bisogno di quel qualcosa in più che possa attirare l’attenzione e per farlo non c’è miglior strategia dello storytelling.

Questa tecnica narrativa può essere usata in molti settori e per raggiungere svariati obiettivi, ad esempio:

  • per obiettivi commerciali allo scopo di vendere prodotti o servizi differenziandosi dalla concorrenza;
  • per obiettivi di marketing, e in quel caso lo storytelling ha il preciso scopo di coinvolgere, catturare l’attenzione, creare relazioni basate sulla fiducia.
  • per obiettivi pubblicitari, per pubblicizzare o accrescere la conoscenza di un brand, di una marca, per farla ricordare ai consumatori, per accrescere la visibilità di un’azienda.
  • obiettivi di personal branding quando la persona che lo usa vuole vendere, far conoscere le proprie competenze e capacità, le proprie esperienze, le abilità professionali.

 

Insomma attraverso questo straordinario strumento narrativo si possono raggiungere davvero risultati differenti, basta, ovviamente, mettersi nelle mani giuste, di chi possa, nel modo migliore, raccontare la vostra storia e farla arrivare al cliente perché lo storytelling è una disciplina molto potente in grado di adattarsi ad ogni esigenza in modo efficace.

Lo storytelling aiuta a raccontare, a raccontarsi online, e lo fa con una storia, vera. Nessuna finzione, nessuna bugia, solo verità, semplicità perché l’obiettivo non è manipolare il cliente, ma fargli avere fiducia, fargli capire chi siamo, come lavoriamo, cosa proponiamo, dobbiamo suscitare curiosità, interesse, coinvolgimento, immedesimazione e anche divertimento, dobbiamo stimolare emozioni.

Per avere un’idea di tutto ciò che fin’ora abbiamo detto, riportiamo qualche esempio di aziende che utilizzano lo storytelling: Mulino Bianco, da sempre, senza che neppure ce ne rendiamo conto, ci racconta una storia, ci ha dato la possibilità di entrare in ogni sua casa, storia, ci ha preso un po’ il cuore con tutta quella dolcezza, ci ha fatti sentire famiglia e ci ha convinti, ci fidiamo, così come ci fidiamo della casa madre, la Barilla.

 

storytelling mulino bianco

 

Un eccellente storytelling è, poi, quello della LEGO perché quando le storie vengono usate nel modo giusto, non si limitano a far vivere un marchio, ma fanno molto di più, danno un contributo enorme alla percezione che ne hanno gli utenti. Il film The lego movie” è stato apprezzatissimo nelle sale cinematografiche dai bambini, ma anche dagli adulti . Perché? Ovviamente perché un’azienda è riuscita a realizzare una storia eccellente, dove protagonista erano i loro prodotti, come piccole star, e al tempo stesso ha realizzato la più efficace e produttiva pubblicità per un giocattolo, come mai prima era successo. 90 minuti di pubblicità, velata da una storia. Ovvio che fuori dai cinema ogni bambino che aveva visto il film preso da entusiasmo e voglia di costruire e smontare quei piccoli blocchi di plastica, chiedeva ai genitori di poter ricevere come regalo nuovi lego, quelli appena visti nel film, per continuare a giocare, inventare, sognare, come durante la proiezione. Perché il film è riuscito a trasmettere messaggi importanti: innanzi tutto che dentro ogni persona esiste un costruttore, basta crederci; che le nostre limitazioni dipendono solo dalla nostra mente. Lei è limitata? E noi con lei. Semplice. Altro messaggio: non si è mai troppo vecchi per creare magia. Conclusione? La Lego non si limita a vedersi come azienda che vende piccoli blocchetti incastrabili tra loro, ma come azienda che vende possibilità , il suo scopo è sfidare la mente di piccoli e grandi e convincerli che sono in grado di fare molto più di ciò che credono di poter fare.

 

 

Di seguito vediamo altri due esempi di storytelling di due colossi:

Da sempre IKEA nelle sue campagne pubblicitarie racconta delle storie coinvolgenti.

 

Anche per la Apple, ogni pubblicità racconta una storia, qualcuna anche commovente. Apple ha saputo narrare la propria storia in modo totalmente convincente, persuasivo.

 

Tutto ciò non è altro che la più spettacolare forma di storytelling cui si potesse pensare, e assistere. Pura potenza persuasiva della storia narrata. Perché arrivare a coinvolgere tanto da far spendere soldi per il tuo prodotto, e non soltanto apprezzarlo, è il fine, lo scopo del marketing. Ogni azienda, ogni brand, dovrebbe cercare la propria filosofia “giusta”, per poter arrivare a vendere, a far conoscere non più la semplice cosa, roba, ma molto di più; qualcosa che abbia una storia, un significato vero, profondo, uno scopo, qualcosa che entri nella mente e lì rimanga.

Un’ultima considerazione. Lo storytelling è uno strumento di comunicazione davvero molto efficace, tanto che oggi, è bene ricordarlo, i consumatori tendono ad acquistare un prodotto non soltanto per la marca, ma anche e, forse, soprattutto, per i valori che esprime, per la sua storia, per ciò che rappresenta per la gente. I tuoi clienti non comprano il tuo prodotto o servizio che sia, comprano le emozioni che hanno provato. Stesso discorso vale anche quando l’obiettivo è quello del personal branding (ne abbiamo parlato prima),vale a dire che il prodotto è la persona e, solo se ciò che tu racconti sarà amato dalle persone, allora anche tu sarai amato.

Lo storytelling non è altro che un’arma per differenziarti dai concorrenti.